Come le piccole cose portano grande gioia: pietre fiorite

How small things bring big joy: flowering stones

Probabilmente non abbiamo bisogno di parlarti di tutte le attrazioni che la Namibia ha da offrire. Questi spaziano dalle maestose dune intorno a Sossusvlei alla variegata fauna selvatica nel famoso Parco Nazionale di Etosha o dal secondo canyon più grande al Fish River fino al rombo del tuono delle cascate Epupa.

La nostra costa ha qualcosa per tutti: dal kitesurf, al dune boarding, al quad vicino a Walvis Bay e Swakopmund, al salutare le foche di Cape Cross mentre vai a pescare a Torre Bay o persino alla cattura di quella grande onda nello Skeleton Coast

Negli ultimi anni stiamo avendo molti visitatori con un profondo interesse per la cultura e con voglia di fare esperienza diretta con le persone locali che raggiungono per questo luoghi lontani come la regione del Kunene o l'intera striscia dello Zambesi, dove un interessante coinvolgimento con antichi gruppi culturali è quasi garantito

Queste sono tutte esperienze straordinarie che rimarranno con te per tutta la tua vita.

C'è tuttavia un detto: Goditi le piccole cose della vita per un giorno ti guarderai indietro e ti renderai conto che erano grandi cose. I visitatori piu’ esperti amano viaggiare a sud del Tropico del Capricorno, dove solo un occhio attento puo’ trovare molte piccole meraviglie. (Una di queste sarebbe la "micro fauna selvatica" Little 5 nel deserto del Namib: il ragno carraio, il geco Palmato, lo scinco scavatore Fitzimons, il camaleonte Namaqua e la lucertola dal muso di pala.)

Di questi animaletti ce ne sono abbastanza ma, in questa storia, vorremmo portarti ancora più a sud e svelarti una flora straordinaria; le lithops o cosiddette “pietre fiorite”. Probabilmente non è molto in cima alla tua lista dei desideri (perché non hai mai saputo che esistessero), ma vale sicuramente la pena concentrarsi su queste piccole meraviglie della vita.

Ci sono molti generi di piante grasse, fratelli e sorelle fra loro, facenti parte del gruppo delle "Aizoaceae" e della stessa famiglia delle "Mesembryanthemaceae" che sono disseminati nel bioma meridionale tra fessure rocciose e piane limose.

Conosciute dalle culture antiche per il loro uso nella produzione di sapone, di conserve, nel pascolo del bestiame e persino come una sorta di stimolante a volte più forte della nicotina, la gente locale si riferisce affettuosamente alle varie specie come "piante di ghiaccio, vygies, fiori di mezzogiorno, beeskloutjies (zoccoli di bestiame) e pietre fiorite”, sebbene botanici e orticoltori di tutto il mondo non usino questi nomi vernacolari ma piuttosto usino il nome del genere Lithops, che deriva dalle parole greche (come), in quanto si riferisce al loro aspetto che ricorda fortemente la roccia in cui crescono

Nel bel libro“Litopoli della Namibia”, scritto da Roy Earle e Janice Round, con l'assistenza di Hilde e Frikkie Mouton, ti si aprirà un mondo completamente nuovo. Con la sua funzione primaria di stabilizzare il suolo, 38 specie popolano aree sparse dell'Africa meridionale, di cui 12 si trovano solo in Namibia.

Trovi il libro Lithops qui https://narrativenamibia.com/collections/books-cds/products/lithops-book

< Nonostante la Namibia sia popolata solo da 2,2 persone per km, bisogna comunque prestare molta attenzione per non calpestarli poiché sanno ben travestirsi! Si adattano perfettamente al loro habitat, ma in realtà sono grandi regine del dramma. Una pianta adulta è costituita solo da due foglie carnose opposte che sono fuse insieme alla base, e queste sono indicate come la "testa" della pianta. L'area superficiale, che presenta molti segni diversi, come creste testurizzate, verruche, lisce o decorate con cellule d'acqua, è quindi chiamata "faccia".

È alla fine della stagione di crescita, normalmente all'inizio dell'inverno, che la pianta andrà a riposare e le due foglie perdono la pelle modellata della testa come un serpente formando due nuove foglie alla base. Puoi indovinare la loro età dal numero di gusci di foglie essiccate anno per anno. Se ci sono molti anni di siccità, le teste si restringono e la pianta può seppellirsi sotto la superficie del terreno.

Esprimono il loro vero spettacolo una volta all'anno, per lo più 2-3 settimane dopo le piogge, dove produrranno un bocciolo di fiore che fiorirà subito dopo. I fiori sono luminosi, belli e fortemente profumati e si aprono solo a partire dal pomeriggio, chiudendosi dopo il tramonto, attirando così i loro impollinatori preferiti come api, mosche e formiche. Questo processo avviene solo per 7-10 giorni, quindi il loro tempo sotto i riflettori è piuttosto breve

La capsula di semi che appare dopo questo processo contiene centinaia di semi che maturano all'interno mentre la capsula si asciuga e diventa legnosa per proteggere il suo contenuto fino all'arrivo della pioggia successiva. Solo un 1 % dei semi riesce a far maturare il fiore. Anche nelle migliori condizioni, una pianta ha bisogno di crescere 3-4 anni prima che possa deliziarci di nuovo con un fiore.

Apetta un minuto; Finora la Namibia ha avuto precipitazioni superiori alla media quest'anno!

Tuttavia, non è necessario indossare scarpe da trekking, mettere in valigia lenti d'ingrandimento e iniziare a perlustrare il deserto alla ricerca di questi splendidi lithops. Tutto quello che devi fare è prenotare un confortevole alloggio in stile fattoria con Loggia della vecchia fornace di calce, guida verso Lüderitz da Keetmanshoop e goditi una cena meravigliosa sotto il cielo stellato. Il giorno successivo, visita il loro Lithoparium situato nella loro area del giardino e ti ritroverai a parlare in un linguaggio infantile a tutte le loro 16.000 piante e piantine. Se sei fortunato, ti imbatterai in Hilde e Frikkie Mouton, la cui passione per questi “bambini” è davvero contagiosa.

Dopotutto, pensare alle piccole cose porta semplicemente gioia e felicità.

Scritto da: Sonia Noirfalise

Leggi di più

Namibia Cam – a waterhole in the spotlight

Namibia Cam: una pozza d'acqua sotto i riflettori

Gondwana – it’s in the art of telling stories.

Gondwana: è nell'arte di raccontare storie.

John Ndevasia Muafangejo

John Ndevasia Muafangejo

Comments

Be the first to comment.
All comments are moderated before being published.